Maratona del patrimonio mondiale a Cracovia

La 41sima sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO ha avuto luogo al Centro di Congressi  ICE Kraków nei giorni 2–12 luglio. Polonia è diventata membro del Comitato per la seconda volta nella storia, però, per la prima volta ha avuto il privilegio di ospitare la sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale che costituisce un’organo maggiore esecutivo  della Convenzione dell’UNESCO – Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura.

Maratona del patrimonio mondiale a Cracovia
Fot. materiał prasowy

Gli incontri del Comitato del Patrimonio Mondiale appartengono al gruppo degli eventi i più prestigiosi che hanno luogo ogni anno nel mondo. È anche un’evento molto complicato dal punto di vista logistico. I rappresentanti di 21 paesi - parti, scelti da 193 paesi segnatari della Convenzione sul Patrimonio Mondiale Culturale e Naturale (1972), sono responsabili dell’implementazione della convenzione menzionata, dispongono dei mezzi del Fondo del Patrimonio Mondiale e prendono delle decisioni sull’iscrizione dei siti nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.

In 1978, tra i primi 12 siti iscritti sulla Lista del Patrimonio Mondiale si è trovata una parte storica di Cracovia, compresi: il centro storico, la collina di Wawel,  i quartieri Kazimierz e Stradom.

Soprattutto sicurezza

La sicurezza dei partecipanti all’evento era prioritaria per gli organizzatori di cui il gruppo appositamente creato a questo scopo discutavo durante degli incontri sistematici per qualche mese. Gli organi impegnati erano : Polizia, Ufficio per la sicurezza, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Guarda Municipale, Guardia di Frontiera, rappresentanti del Comune di Cracovia e degli altri enti nazionali e locali (Azienda sanitaria, Servizio di salvataggio, Presidenza dell’Infrastruttura Comunale e del Trasporto, Ufficio di Festival di Cracovia). Visto le esigenze di sicurezza e gli standard dell’UNESCO era l’evento più avanzato di tutte le iniziative già realizzate nel Centro di Congressi ICE Kraków.

Sessione in cifre

  • 1966 delegati
  • 3009 identificatori prodotti
  • Più di 1000 persone impegnate in servizio
  • Da 200 a 700 agenti di polizia impegnati ogni giorno in sicurezza dei partecipanti della sessione
  • 38 carabinieri responsabili della sicurezza
  • 29 000 verificazioni delle persone che entravano nell’edificio del Centro ICE Kraków
  • 35 eventi che accompagnavano la sessione nel Centro ICE Kraków
  • 51 interni arredati
  • 400 prese elettriche e sockets installati nelle scrivanie nell’Auditorium
  • 100 m2 era la superficie dello schermo LED con una risoluzione di 4K instalato nell’Auditorium
  • 20772 pubblicazioni stampate

Mostra l’etichetta
Pubblicato da: JULIA ŻYLINA-CHUDZIK
Pubblicato da:: Otwarty na świat IT
Vedi anche
Consolati ed istituzioni estere a Cracovia